Rss

Archives for : HI-FI

LA VALVOLA TORNA A CANTARE

Buongiorno a tutti gli audiofili,
finalmente mi hanno riparato il preamplificatore…appena installato e configurato ho acceso il tutto…un pò titubante…

FAVOLOSO!!!!!!!!!!!!!!

Suono caldo e pulito proprio come piace a me.

Qeuste le modifiche che hanno interessato la macchina:

sostituzione:
1) 2 CS 3310 vecchi con dei nuovi e maggiormente performanti Burr Brown PGA 2311
2) 6 condensatori al tantalio
3) i componenti delle schedine di protezione dal clipping
4) 3 valvole che erano rimaste probabilmente danneggiate dalle scariche

Adesso, grazie al tecnico favoloso “Sandro Lotti” della LASA di Piacenza, funziona perfettamente e,al di là che non ci sono più scariche, è sicuramente più silenzioso e mi sembra proprio che suoni meglio, più aeroso.

C’è da dire che se si usa con il suo finale Sonic Frontiers, che ha una scarsissima sensibilità, le cose migliorano parecchio, mentre con un finale come l’Electrocompaniet, molto sensibile, il rumore di fondo è un pò percettibile se ci si avvicina alle casse, ma direi che è veramente merginale e poi diciamocelo…siamo in presenza di un pre a VALVOLE quindi non pretendo la silenziosità di uno stato solido e nemmeno la cerco.

Buon ascolto a tutti.

CHE SIA LA VOLTA BUONA?

Forse oggi…
Forse oggi…
Forse oggi…
Forse oggi…
Forse oggi…

torna a casa il bimbo…mi tocco comunque che non si sa mai!

Distinti saluti a tutti.

Sintonie…stonate!

Buongiorno,
sono tornato da poco dall’avventura di Sintonie a Lanciano.
Bella avventura soprattutto perché ho capito molte cose….ho capito che ci sono persone veramente grandi ed ho anche capito come mai il settore dell’Hi-Fi sta andando in malora!
Veniamo alle belle notizie: begli impianti, molto ben suonanti e devo ringraziare l’organizzazione di Sintonie che ha realizzato un evento per certi versi migliore del Top Audio&Video di Milano. Secondo il mio parere essendo un evento “minore” c’era meno gente e mi sono potuto godere maggiormente gli impianti in mostra. Ho avuto l’occasione di conoscere meglio il Signor Signoricci che io vorrei chiamare Maestro perché per me rappresenta l’Alan Parson italiano. Veramente una persona eccezionale come cultura e come uomo. Penso faccia un lavoro molto interessante e lo invidio per certi versi perché anche a me piacerebbe fare lo stesso! Chissà se mi prenderebbe con lui a lavorare…MAGARI!!!
Professionale e modesto ed al tempo stesso simpatico. E’ riuscito a farmi acquistare un disco di classica e penso che persone come lui siano un bene per l’industria discografica italiana a differenza di certi elementi che ho visto durante la manifestazione…ed ecco le note dolenti.
Innanzitutto vorrei lanciare strali su certi venditori che classificherei in due categorie: gli ignoranti e gli arroganti.

Dunque vediamo la prima: GLI IGNORANTI.
Durante un ascolto mi sono sentito dire che in un impianto quello che conta non è il circuito, ma solo la componentistica e che per esempio “McIntosh usa gli stessi componenti da 50 anni”!!!
La mia risposta sarebbe stata quella di raccomandargli un ottimo appezzamento di terreno dove andare a lavorare!
Ma io dico: un progetto, per essere un bel progetto, deve essere tutto buono, dal disegno del circuito alla scelta dei componenti, e dico di più, che se uso dei componenti eccezionali su di un circuito disegnato con i piedi l’amplificatore o il lettore cd rimarranno un progetto del cavolo con buoni componenti! Io per esempio ho un Electrocompaniet del 98 e suona da dio anche se i componenti sono vecchi di 10 anni.
Queste persone secondo me dovrebbero, prima di presentarsi ad un evento, fare un bel corso di aggiornamento.

Seconda categoria(LA PEGGIORE): GLI ARROGANTI.
Ho sentito un personaggio che non faceva che criticare i dischi dei clienti sparando a zero con cazzate allo stato dell’arte. E’ vero che l’impianto che proponeva era veramente favoloso e lui ha dimostrato, e glielo riconosco, di avere una conoscenza inaudita sui dischi che gli venivano presentati, ma nonostante questo non si possono dire cose del tipo:”…lo so che con il cazzo che l’impianto lo comperate…” oppure “…questo disco che lei ha appena comperato all’evento è una fregatura e sono certo che l’hanno fregata…” e volete sapere il motivo?
Dunque era un cd di Chet Baker che era stato inciso poco prima che si suicidasse e siccome il jazzista stava già male da tempo, durante la registrazione si poteva sentire che ogni tanto andava fuori tempo e che non era sempre presente.
Allora io dico, se il cliente cercava la performance perfetta, si ha preso una fregatura, ma il disco non è altro che una testimonianza della vita dell’artista che mette in luce una parte, magari triste, della sua carriera come è successo per Billie Holiday o per tutti quegli artisti che hanno dipinto quadri o scritto canzoni sotto l’effetto di alcool e droghe! Fanno parte della storia dell’artista e non sono da buttare via assolutamente, né si possono catalogare come “fergature”!!!

MORALE!
Stavo per comperare da lui un disco ed invece l’ho lasciato li…
Signoricci con il suo comportamento me ne ha fatto comperare uno mentre mentre questo idiota mi ha fatto desistere….alla faccia dell’industria della musica…meditate gente meditate….

Strepitoso!!!

Bene ragazzi, ho provato questo condizionatore di rete e devo dire che ne sono rimasto piacevolmente colpito. Mi trova la fase della rete elettrica rendendo la configurazione dell’assetto dell’impianto molto più facile e veloce. Funziona effettivamente bene anche se non lo ho testato con tutte le apparecchiature accese e poi devo ancora imparare a conoscerlo bene.
In ogni modo ho trovato un sito che lo vendeva a 150 euri in meno del prezzo di mercato e l’ho acquistato on line! Sono molto contento ho solo dovuto scaricarmi il manuale in italiano perché quello nella confezione era solo in tedesco.
Il condizionatore svolge egregiamente il suo lavoro e penso che sia stato un buon acquisto soprattutto nell’ottica del lungo periodo.

Ciao a tutti….per ora.

Pure AV PF 40 Condizionatore di rete con protezione display alfanumerico e assicurazione.

Bene ci siamo!!!
Beh certo non si poteva non comperare un tale oggetto, eh si si, quando si ha un impianto o delle apparecchiature costose direi che è d’obbligo. Certo uno può pure sfidare la sorte, ma ricordiamoci che la sfiga ci vede benissimo e so che con le apparecchiature ad alto amperaggio meglio non scherzare. Quindi cerco di pararmi il culo e compro il bellissimo condizionatore di rete della Belkin fra l’altro a 100 euri in meno rispetto al prezzo di mercato. Speriamo.

PARTICOLARITÀ
I prodotti PureAV sono progettati per eliminare i disturbi sulla corrente alternata causati dalle comuni apparecchiature elettrodomestiche e per alimentare con corrente pulita il vostro impianto di home cinema, potenziando le prestazioni generali del sistema.

Protezione
I prodotti PureAV sono costruiti con materiali di altissima qualità conformi a tutti i requisiti di sicurezza TUV per garantire che
tutti i componenti del vostro impianto siano protetti da interferenze dannose.
Controllo

I prodotti PureAV consentono un maggiore livello di controllo e gestione dell’impianto di home cinema. Infatti, ogni prodotto dispone di semplici strutture di collegamento e di una serie di funzioni di controllo che consentono, per esempio, di monitorare
il livello della tensione e della corrente, di impostare l’intervallo di tempo e la sequenza di accensione, e la funzione di remote trigger.
La tecnologia PureFilter

L’alimentazione in corrente alternata può essere inquinata da “rumori” provocati da diversi dispositivi prensenti in casa, quail componenti digitali e apparecchiature elettrodomestiche. I nostri esperti hanno implementato un sistema avanzato di circuiti PureFilter per fornire un’alimentazione pulita a tutti i componenti audiovisivi del vostro prezioso impianto di home cinema.

ECCO UNA VISIONE DEL DISPLAY MULTIFUNZIONE:

Oltre il limite dello spettacolare!!!

Dunque finalmente ce l’ho!!!

Correva l’anno 1998 ed avevo tra le mani il primo AudioReview che abbia mai acquistato, era per la precisione Agosto 98 e c’era la recensione del preamplificatore valvolare Sonic Frontiers Line 1. Beh dire che me ne sono innamorato è dire poco….quindi sono 10 anni che ci faccio la punta e finalmente ora è MIO!!!
Appena montato sul mio Electrocompaniet direi che il suono rispetto al pre a stato solido è subito saltato all’occhio anzi all’orecchio, riesce a rendere le voci con una naturalezza ed una musicalità che non avrei mai immaginato. I bassi sono molto più contenuti, ma non per questo meno realistici, anzi direi che il complesso ha acquistato una spaziosità incredibile mantenendo il dettaglio favoloso del mio vecchio pre a stato solido.
Beh che dire ECCEZZIONALE!!!
Per ora non sono riuscito a fare molti ascolti perchè non ho avuto molto tempo, ma questo fine settimana recupero e vorrei provare l’impianto con il collegamento bilanciato….
Ciao a tutti e buona musica.

Forse l’ho trovato!


Era il 1998 direi agosto e comprando una nota rivista di impianti Hi-Fi leggo la recensione di questo preamplificatore e me ne innamoro soprattutto dopo averlo ascoltato.

Adesso forse l’ho trovato e domenica lo vado a sentire per acquistarlo.

Vi faro sapere.

Ciao.

RISTRUTTURAZIONE SPLENDIDO GIRADISCHI SOLID 5 del 1975

Sto rimettendo in piedi il mio vecchio giradischi:


appena avrò acquistato fonorivelatore e pre phono decenti (magari a valvole) metterò su una recensione come si deve…per ora gustatevi la foto del giradischi.

Finalmente IL FINALE


Eccolo il mio nuovo gioiellino, è il finale che ho sempre desiderato…caldo e Hi-End. L’ho comperato usato e ho avuto una fortuna che non vi dico. L’ho attaccto al mio impianto di riferimento e devo dire che dopo un pò di rodaggio, per la scelta dei cavi e sorgenti, adesso suona che è una meraviglia. Fa suonare le mie vechie B&W 603 prima serie come non le ho mai sentite suonare e devo dire ceh i suoi 100W in PURA CLASSE A si fanno valere in tutto il suo splendore e sonorità. Mi chiedo solo con un pre a valvole come il Sonic Frontiers Line 1 come suona anche perchè con quell’oggettino potrei sfruttare i collegamenti bilanciati.
In ogni modo per ora sono molto molto molto soddisfatto del mio impianto e non perchè penso sia il migliore esistente ma perchè quando ascolto la musica mi da sempre emozioni…che penso che sia la vera essenza della musica…saper trasmettere emozione sempre e comunque.

Ciao a tutti.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: